Articolo aggiornato il giorno 4 aprile 2015.

Ho deciso di scrivere e di condividere col mondo ciò che mi è successo con Vodafone e di come ho delapidato senza accorgermene 12€ in 3 giorni con il tethering avendo il piano dati Mobile Internet di Vodafone.

Spero che la mia esperienza sia utile a coloro che hanno un device con Android 4.1.2, 4.2 o 4.3 visto che mi è successo negli ultimi 3 giorni proprio da quando ho aggiornato; coincidenze? Non è una coincidenza. Confrontandomi con Riccardo su Google+ anche lui ha notato che la versione Android 4.1.2 ha degli apn per il tethering che sembrano prestabiliti a monte dal gestore telefonico.

Infatti ho potuto constatare che ad ogni avvio della funzionalità di tethering, lo smartphone, seppur impostato con il solo apn mobile.vodafone.it automaticamente finiva per connettersi all’apn web.vodafone.it scalando 4€ alla prima connessione giornaliera.

Ho chiamato il 190 e sono riuscito a farmi rimborsare i 12€ (4€ x 3 giorni) che effettiamente mi erano stati scalati per un errore. Ho inoltre abilitato il blocco dell’apn web.vodafone.it e vi consiglio di fare lo stesso recandovi nell’area Fai da te del sito Vodafone (date un’occhiata qui).

Successivamente al rimborso dei 12€ [da lodare la velocità di Vodafone (30 secondi)], vado ad attivare il tethering e… ogni client attaccato non riceveva connessione internet. 1+1=2 quindi effettivamente attivando il tethering l’apn si trasmutava automaticamente in web.vodafone.it che avevo appena bloccato.

Allorché mi sono posto una domanda… A che serve pagare per un ulteriore piano internet se pago già per una connessione mobile?

Purtroppo le politiche aziendali Vodafone, da comune cittadino, non sono in grado di cambiarle ma… a tutto c’è una soluzione. Quindi se avete uno smartphone Android, potrete comunque sfruttare a pieno il tethering via Wi-Fi anche se il vostro piano dati è Mobile Internet (all’epoca), la nuova offerta Vodafone Special o qualsiasi altro piano dati che utilizza l’apn mobile.vodafone.it e fa appiglio a questo squallido cavillo.

La soluzione si chiama WiFi tether, un’ottima applicazione che bypasserà la funzione tethering integrata e creerà un hotspot WiFi utilizzando la connessione dati dello smartphone senza problemi di cambio automatico di apn in quanto è come se stesse navigando dal vostro smartphone direttamente rendendo il tethering non individuabile da parte del provider. L’applicazione necessita i privilegi di root tuttavia sembra aver problemi con dispositivi con Android 4.2 o superiore.

Con Android 4.2 o superiore l’applicazione Wifi Tether è quindi inutilizzabile. La soluzione più indolore prevede l’utilizzo dell’app gratuita Open Garden in grado di instaurare tramite bluetooth o wifi direct una VPN tra client e server. Consigliata se non si dispone di root.


azienda software android

Link AppBrain | Link Android Market

Per gli utenti invece che hanno un dispositivo rootato con Android 4.2 o superiore, sono disponibili delle app che provvederanno ad impostare con comandi iptables il routing sull’apn giusto. Free Tethering Fix dovrebbe funzionare ad ogni riavvio, le altre invece necessitano l’avvio manuale (automatico con in-app purchase) prima dell’attivazione del tethering. Molto spesso può dipendere dallo smartphone che si possiede, un’app potrebbe funzionare mentre un’altra no, quindi vi consiglio di testarle tutte.


azienda software android

Link AppBrain | Link Android Market


azienda software android

Link AppBrain | Link Android Market

 

Aggiornamento 4 aprile 2015

Torno dopo un bel po’ di tempo a riaggiornare questo articolo che, a quanto pare, ha aiutato molti utenti ben oltre le mie aspettative! Ho una nuova soluzione che voglio condividere con tutti coloro che hanno uno smartphone Android:

  • Andare nelle Impostazioni dell’apn (su Android 5 Impostazioni, Altro, Reti cellulari, Nomi punti di accesso) e selezionare il profilo con l’apn web.omnitel.it
  • Modificare quindi i seguenti valori:
    • Nome: 0 (zero)
    • APN: 0
    • MCC: 0  (000 in caso di Android 5 Lollipop)
    • MNC: 0  (000 in caso di Android 5 Lollipop)
  • Tornate ora indietro ed il profilo appena modificato sarà scomparso.
  • Fine. Troppo facile vero?

Il metodo sembra funzionare egregiamente e non ho rilevato alcun addebito strano!

Non mi resta che augurarvi… Buon tethering!